Contributi finalizzati all’inserimento di giovani in apprendistato – Sportello aperto

Vi ricordiamo che è ancora  possibile accedere ai contributi per l’assunzione di apprendisti sull’intero territorio nazionale ai sensi dell’Avviso pubblico a sportello emanato da Italia Lavoro nell’ambito del programma AMVA “Apprendistato e mestieri a vocazione artigianale”

I contributi sono erogati in relazione a:
a) Contratti di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale (giovani 15-25 anni) risorse disponibili complessive euro 27.104.000,00;

b) Contratti di apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere (qualifica professionale a fini contrattuali – giovani 18-29 anni) risorse disponibili complessive euro 51.046.700,00.

Le risorse tra le due tipologie di contributo potranno anche vedere variazioni compensative nella ripartizione degli importi stanziati, per ottimizzare l’efficacia della spesa programmata, ossia per favorire la domanda.

I contratti di apprendistato dovranno essere stipulati a partire dal 30 novembre 2011.

I contributi che verranno erogati, fino a concorrenza della disponibilità delle risorse, e non oltre la chiusura dell’Avviso (31 dicembre 2012) verranno così riconosciuti:

1. Un contributo di euro 5.500,00 per ogni soggetto assunto con contratto di apprendistato per la qualifica professionale a tempo pieno;
2. Un contributo di euro 4.700,00 per ogni soggetto assunto con contratto di apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere a tempo pieno.

Possono presentare le candidature esclusivamente i datori di lavoro privati che abbiano la sede, ovvero l’unità produttiva, dove si assume nel territorio nazionale e che assumano giovani con contratti di apprendistato nelle tipologie previste dall’avviso, nonché rispondano ai requisiti previsti dal bando (cfr.punto 4 dell’Avviso).

A questo proposito si evidenzia che a partire dal 1/9/2012, per le assunzioni effettuate da quella data e ferme restando tutte le ulteriori condizioni indicate nell’avviso pubblico, possono presentare richiesta di contributo anche gli studi professionali in qualunque forma costituiti.

L’assegnazione dei contributi avverrà con procedura “a sportello” seguendo l’ordine cronologico di presentazione delle domande, previa verifica delle condizioni previste e l’assenza delle cause di inammissibilità.

In caso di licenziamento a qualsiasi titolo o di dimissioni volontarie del lavoratore, l’impresa beneficiaria del contributo potrà – attraverso una procedura codificata – comunicare l’evento e procedere, in quota parte, alla restituzione del contributo ricevuto.

Un’attenta azione di monitoraggio e controllo, anche ispettivo, è prevista da parte di Italialavoro, anche con il supporto degli uffici preposti a livello regionale, nonché delle Stato italiano e della Unione europea.

I contributi sono erogati nel rispetto delle condizioni e dei termini di cui al regolamento comunitario relativo agli aiuti di importanza minore “de minimis” o, in alternativa, nel rispetto delle condizioni e dei termini di cui al regolamento comunitario sugli aiuti di stato (cfr. punto 16 dell’Avviso).

Si raccomanda un’attenta lettura dell’Avviso, pubblicato in versione integrale sui siti :
– www.italialavoro.it sezione bandi
– www.servizilavoro.it/amva
– sul sito del Ministero del lavoro e delle politiche sociali www.lavoro.gov.it
– e su www.cliclavoro.gov.it

La domanda di contributo potrà essere presentata unicamente attraverso il sistema informativo raggiungibile al seguente indirizzo

http://amva.italialavoro.it .

Invia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Iscriviti alla mailing list di Yestartup

Ricevi gli aggiornamenti su iniziative ed eventi del mondo delle startup del nostro territorio e non solo.
* = campo richiesto!

powered by MailChimp!